Di fronte al difficile periodo che stiamo vivendo per il perdurare del clima di paura di una nuova ondata epidemica a causa del Coronavirus, pensiamo sia utile dare alcune informazioni che possano aiutare tutti ad affrontare con serenità i prossimi mesi dell’autunno e dell’inverno, sia per la prevenzione che per la terapia di un’eventuale infezione.

Profilassi

Come già si era detto nel precedente comunicato, la migliore prevenzione per ogni malattia infettiva, sia batterica che virale, si può realizzare grazie alla terapia omeopatica del terreno costituzionale, terapia che è sempre personalizzata e quindi scelta insieme al medico secondo l’individualità di ciascuno.
Invece, per chi non fosse in terapia di terreno e volesse seguire la profilassi omeopatica, ricordiamo che, anche in base all’esperienza maturata in primavera durante il picco dell’epidemia, la prevenzione più efficace si può ottenere grazie al rimedio Sulfur 6CH granuli (marca CEMON), 2 granuli mattino e sera da ottobre ad aprile. In questo modo, come abbiamo avuto occasione di sperimentare nei mesi passati, è possibile coprire tutto il periodo più critico della stagione in cui è maggiore la possibilità di andare incontro a malattie infettive, sia batteriche che virali, compresa quindi l’infezione da Coronavirus.

Terapia

L’esperienza vissuta in questi mesi nei confronti dell’epidemia da Coronavirus, ci ha permesso di verificare ancora una volta l’assoluta efficacia della terapia omeopatica in tutti i casi acuti di infezione che abbiamo avuto modo di seguire. Vi confermiamo che la procedura più corretta prevede che di fronte ai primi sintomi dell’infezione virale, si debba assumere subito il rimedio Mercurius solubilis 6CH granuli (marca CEMON) in forma dinamizzata, cioè sciogliendo 10 granuli in mezzo litro d’acqua, bevendo poi un sorso ogni 30-60 minuti, agitando la bottiglia 20 volte sempre prima di ogni assunzione. In ogni caso dopo un giorno di Mercurius è sempre necessario contattare il medico omeopatico che vi darà le indicazioni giuste per il prosieguo della cura in base all’evoluzione della sintomatologia. Per questo, insieme al gruppo dei medici della scuola, in base all’esperienza vissuta nei mesi scorsi, abbiamo ulteriormente perfezionato la sequenza dei rimedi utili per tutto il ciclo di cura di ogni caso acuto. Comunque i rimedi che possono servire restano quelli già indicati nel precedente comunicato ovvero: Mercurius sol. 6CH, Silicea 6CH, 12CH granuli e MK dose unica, Phosphorus flavus 6CH, Natrum muriaticum 6CH, Tubercolinum Koch 6CH, Sulfur 6CH, 12CH granuli e MK dose unica.
Queste sono le indicazioni che speriamo possano aiutare tutti ad affrontare i prossimi mesi in assoluta tranquillità. Chi avesse necessità di ulteriori informazioni può sempre fare riferimento alla mail del sito della Scuola (info@sisdoh.it). Siamo tutti grati all’Omeopatia che ancora una volta si rivela la medicina più rispettosa della Natura e dell’Uomo. Soprattutto ci aiuta a superare ogni pensiero che richiama la realtà della guerra, concetto che non appartiene mai alla natura, perché in natura non ci sono nemici da combattere e da cui difenderci. Per questo ci sentiamo del tutto liberi dal sentimento della paura, sicuramente il dono più grande che l’Omeopatia ci può offrire in questo nostro tempo.

© 2017 - S.I.S.D.O.H. Scuola Italiana per lo studio e la divulgazione dell’omeopatia Hahnemanniana

C.F. 97766540013 – P.I. 10934920017 | Privacy policy | Cookie Policy